Cerca
Close this search box.

Ōv frét e persót

Ōv frét e persót

Ovvero Prosciutto e uova verdi, di Dr. Seuss

12 Agosto 1960

Ricorre oggi 12 Agosto 2021 l’anniversario della prima pubblicazione di questo testo ormai classico, scritto da quel fantastico autore per l’infanzia che è stato Theodor Seuss Geisel (1904-1991), che ha prodotto le sue opere con lo pseudonimo Dr. Seuss, creatore tra l’altro di personaggi ormai “cult” come il Grinch e il Lorax.

 


L ‘ AUTORE

 

Theodor Seuss Geisel è da considerare forse una versione di Gianni Rodari all’americana per la sua vocazione a sviluppare un mondo fantastico dedicato ai bambini, già dall’età pre-scolare:
autore di libri per l’infanzia, fumettista, illustratore, poeta e regista, ha prodotto di più di 60 libri scritti ed illustrati con lo pseudonimo Dr. Seuss.
Il suo lavoro comprende molti dei più popolari libri per l’infanzia di sempre e, certamente facilitato dall’essere un autore americano, accreditato di aver venduto 600 milioni di copie dei suoi libri, tradotti in circa trenta lingue nel mondo.

Fuori da parallelismi senz’altro azzardati, come quello con Rodari, Geisel ha tenuto a rimarcare sempre che le sue “sono storie per i bambini” e che non si è mai accinto a scrivere alcuna delle sue storie “con un concetto morale in mente”, sostenendo che “i bambini sentono la puzza di morale da chilometri di distanza”.
Non era propriamente contro una scrittura “schierata“, e di sé stesso diceva anzi di essere un sovversivo, ma sosteneva anche che comunque “c’è una morale inerente in ogni storia”.

 


IL LIBRO

 

Green Eggs and Ham, tradotto nella versione italiana di Anna Sarfatti con Prosciutto e uova verdi, è uno dei libri di Seuss “per principianti”, scritti con un vocabolario molto essenziale per agevolare l’apprendimento della lettura.
Già alcuni anni prima, nel 1957 aveva pubblicato con gli stessi criteri The Cat in the Heat (Il Gatto nel Cappello in italiano) utilizzando solo 236 parole, ed il suo editore sostenne che neanche Seuss stesso sarebbe riuscito a completare un altro libro intero utilizzando un numero inferiore di parole.
Seuss accettò la sfida e tre anni dopo arrivò questo Green Eggs and Ham, nel quale riscì ad utilizzare solo 50 parole. (vedi qui di seguito)
#

a, am, and, anywhere, are, be, boat, box, car, could, dark, do, eat, eggs, fox, goat, good, green, ham, here, house, I, if, in, let, like, may, me, mouse, not, on, or, rain, Sam, say, see, so, thank, that, the, them, there, they, train, tree, try, will, with, would, you

#
Pubblicato come detto il 12 Agosto 1960, questo libro era diventato già all’inizio del 2000 il quarto bestseller di sempre tra i libri per l’infanzia scritti in lingua inglese, e a tutt’oggi ha venduto ben più di 8 milioni di copie, ed è stato tradotto in 30 lingue, incluso il latino.

 


LA NOSTRA TRADUZIONE

Abbiamo ritenuto giusto e doveroso aggiungere col nostro Dialét Arşân la 31^ Lingua di traduzione di quest’opera, con la quale si è cimentato il nostro Denis Ferretti.
Non ci è stato umanamente possibile contenere il numero di parole utilizzate al “mostruoso” limite di 50 come ha fatto Seuss, penalizzati in questo nei confronti dell’inglese perché ogni declinazione verbale dà a noi una parola in più e il solo articolo “the” si moltiplica in 6 articoli differenti; siamo tuttavia fieri di averne utilizzate solo 125, molte meno quindi di quelle usate da Seuss nel Gatto nel Cappello(vedi qui di seguito le parole utilizzate)
#

a, adèsa, al, am, an, anch, ändòma, aptît, asâg, äschîva, bâsta, bèla, bèle, bêrca, bòun, brîša, brót, capîda, câsa, che, chêvra, crèder, cun, dai, dal, dê, dèintr, dét, di, dj, dôp, dû, e, êlber, êt, fâgh, fâm, fân, fê, fêrn, fîd, fila, finîda, Franco, frét, galerìa, gnân, gnînto, grâsa, grâsia, guêrda, guîd, i, in, intla, intna, intun, l, lêsa, ma, mâchina, mâgn, mâgna, magnaréset, magnarév, magnêri, Malagót, mé, mēgh, mèinter, mēno, mêr, mèš, mia, mo, môrt, na, né, no, nòm, ò, ôrt, ōv, pânsa, pâsa, pêrder, però, persót, pêš, piêš, piêšen, piōv, pó, préma, prév, prōva, quând, rîva, s’, séma, sêt, sgnōr, so, sōl, stà, subét, sûn, surghîn, t, tânt, tè, têš, tigîn, tót, trēno, trî, un, vâgh, vèder, végna, via, vîn, vòj, vōlpa, vōt

Qui di seguito il testo in dialetto che abbiamo montato sul libro di GIUNTI Junior caricato in rete dal sito “TI LEGGO UNA STORIA”, con il testo in Arşân recitato a due voci da Denis Ferretti e Luciano Cucchi.

 

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

ESERCIZI DI TRADUZIONE: ARTHUR RIMBAUD

Una poesia può avere tante traduzioni diverse: possono essere molto fedeli o libere, rispettare la metrica e le figure retoriche o essere lo spunto per una storia nuova. Sei amici hanno provato a tradurre, separatamente Le dormeur du val, di Arthur Rimbaud. Una ulteriore versione è stata costruita con le idee migliori.

LA FÔLA DI TURTLÈIN

Una simpatica favola di Denis Ferretti per fare gli Auguri di Buon Natale a tutti gli amici di Léngua Mêdra.

NERUDA, SZYMBORSKA E LA CIPOLLA

L’umile “cipolla” nei versi di Pablo Neruda e Wisława Szymborska, messi a confronto qui nelle traduzioni in dialetto reggiano dal nostro Denis Ferretti.

PABLO NERUDA: Geografia infruttuosa

Da una conferenza di Maria Rosaria Alfani, traduttrice italiana di Geografia infruttuosa, alla traduzione dell’ultima Poesia della raccolta in dialetto reggiano: cronaca di un percorso difficile, dal risultato incerto, ma importante per conoscere gli ultimi momenti della vita di Neruda

RAFAEL ALBERTI – Galope

Un canto di guerra della Guerra di Spagna è questa famosa poesia del poeta Rafael Alberti, qui ricordato anche per i suoi forti legami con la città di Reggio.

FOSCO MARAINI: Il Lonfo

Si può tradurre in dialetto una poesia scritta in nessuna lingua nota? Denis Ferretti lo ha fatto partendo dalla più famosa poesia di Fosco Maraini: il Lonfo!