Cerca
Close this search box.

LÉNGUA MÊDRA

Rèș e la nôstra léngua arsâna

CONCORSI DI POESIA

A partire dal 2024, Léngua Mêdra ha iniziato una collaborazione con il Centro Sociale Circolo Albinetano, organizzatore di un partecipato concorso di poesia in lingua e in dialetto. L’ VIII^ edizione del 2024 si è conclusa con le premiazioni delle poesie vincitrici delle 4 sezioni in cui è articolato il concorso. Léngua Mêdra ha curato la sezione riguardante le traduzioni in dialetto di “poesie memorabili”.
Il premio è intitolato alla memoria del nostro caro amico e co-fondatore di Léngua Mêdra, Paolo Gibertini.

Di seguito i testi delle poesie classificatesi nei primi tre posti della graduatoria, con le relative motivazioni della Giuria.

Andrea Gibertini consegna la Targa al primo classificato Savino rabotti

Primo classificato:

SAVINO RABOTTI 

per la traduzione di  “Pianto Antico” di Giosuè Carducci.
Motivazione della Giuria:

Possiamo dire che il lavoro di Savino Rabotti è un modello perfetto per essere utilizzato come esempio di ciò che va fatto quando si deve tradurre una poesia. “Pianto antico”, per il suo lessico familiare e presente nella nostra lingua parlata, si presta molto per una sua rappresentazione in lingua locale e potrebbe spingerci verso una semplice traduzione letterale con lessico un po’ scontato. Non facendo il passo più lungo della gamba, il nostro traduttore è invece riuscito a creare una versione “pressoché perfetta”. Con piccoli accorgimenti e lievi modifiche che non hanno cambiato di una virgola il significato esposto nella versione originale, è riuscito a mantenere tutte le rime presenti e si è uniformato alla metrica rigorosa di Carducci in modo altrettanto rigoroso, con estremo rispetto della grammatica locale, senza mai proporre espressioni che non potrebbero essere usate in un contesto normale quotidiano.

Va inoltre evidenziato il merito di una trascrizione grafica esemplare, precisa e coerente, con tutti i termini scritti come lo sarebbero su un dizionario. Chi legge ha l’impressione di trovarsi di fronte a un lavoro fatto con grande accuratezza.

 

PIANTO ANTICO

Cla piânta d’pùmb granâr
che, cun la tu’ manina,
a t’piašiva tânt sercâr,
cun i so bèi fiurtin rùs,
int l’ôrt abanduna

adès la s’è rgiulīda,
e šugn a l’ha nudrida
cun 1sûl e cun 1 calûr.

Ma te, fiûr d’la mi piânta
Scavsâda e fàtâ scâr
che d’la mi vita stânca
t’ êr l’ültme e l’ùnich fiûr

t’ê lì, int la tèra frèda
suta a la tèra scũra,
al sûl a n’t’ha pu’ in cûra,
e gnân t’dèšda l’amûr.

Traduzione di Savino Rabotti

PIANTO ANTICO 

di Giosuè Carducci

L’albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
da’ bei vermigli fior,

nel muto orto solingo
rinverdì tutto or ora,
e giugno lo ristora
di luce e di calor:

Tu fior de la mia pianta
percossa e inaridita,
tu de l’inutil vita
estremo unico fior;

sei ne la terra fredda,
sei ne la terra negra
né il sol più ti rallegra
né ti risveglia amor.

Antonella Incerti, Presidente della Pro-Loco di Albinea consegna la Targa del 2° premio a Guido Sarzi

Secondo  classificato:

GUIDO SARZI

per la traduzione di “In piedi signori davanti a una donna”, di William Jean Bertozzo. 

Motivazione della Giuria: 

Al secondo posto nel gradimento della giuria, la traduzione di “In piedi, signori, davanti a una donna”, che qualcuno probabilmente in errore, ha attribuito a Shakespeare. Noi l’abbiamo confrontata con l’adattamento di William Jean Bertozzo e dobbiamo dire che il nostro traduttore, con un apprezzabile uso dell’anafora, è riuscito perfettamente a dare al componimento un bel ritmo che riproduce in modo fedele lo stile utilizzato nella traduzione italiana. Si nota in ogni caso una grande padronanza del dialetto e una certa confidenza nella scrittura: fa uso degli accenti solo in caso di assoluta necessità, ma sempre in modo corretto.

IN PÉE SGNŌR ÃD FRÛNT A ‘NA DÒNA 

In pée
in pée, sgnõr, davanti a ‘na Dòna,
pder tótt j abûš cumpí adôs a lē.
per ägl’j; umiliasiòun ch’l à soportèe,
per còll só côrp ch’i sfrutèe
per I’inteliginsa ch’î murtifichèe
per l’ignuransa in do l’i tgûda
per cla bòca ch’i més a tašèir
per la só libertèe che gh’î neghèe
per al j êli che gh’i simèe
per tótt còst
in pée sgnõr davanti a’na Dòna.
E se incòra äl n é mia abasta,
alvêv in pée ògni volta ch’ l av guêrda I’ânma
perché lē la sà cme guarderla e ferla canter.
In pée, sèimper in pée
quând I’eintra ind la cambra e tótt luzéss d’amõr
quând l’a’v carêsa ‘na lóšga cm’ē fà ‘na mêdra a un fiōl!
Quând l’é in silèinsi
la lòga int al só dulòur
la só turmintòuša vòja ed volêr.
Ä n serchèe ed dêreg curâg
quând ägh câsca tótt dintòuren.
No, basta sòul sèdres d’arèint a lē
e sptêr ch’a’s chiêta al só cõr
che al mònd al torn’a girêr
‘e alöra vēdrî ch’la srà lē la préma
ch’la ve slounga la mân per alvêrov da la tèra vêrs al cēl.
vêrs còl cēl universel
padròun dla só ânma
da dóve la’n prî mai s’cianchêr
per còst in pée
in pée
davanti a’na Dòna

Traduzione di Guido Sarzi

 

IN PIEDI SIGNORI DAVANTI A UNA DONNA

di William Jean Bertozzo

In piedi,
in piedi, signori, davanti a una donna,
per tutte le violenze consumate su  di lei,
per le umiliazioni che ha subito,
per quel suo corpo che avete sfruttato
per l’intelligenza che avete calpestato
per l’ignoranza in cui l’avete tenuta
per quella bocca che le avete tappato
per la sua libertà che le avete negato
per le ali che le avete tarpato
per tutto questo
in piedi, Signori, in piedi davanti a una Donno.
E se ancora no vi bastasse,
alzatevi in piedi ogni volta che lei vi guarda l’anima
perché lei la sa vedere
perché lei sa farla cantare.
In piedi, sempre in piedi,
quando lei entra nella stanza e tutto risuona d’amore
quando lei vi accarezza una lacrima,
come se foste suo figlio!
Quando se ne sta zitta
nasconde nel suo dolore
la sua voglia terribile di volare.
Non cercate di consolarla
quando tutto crolla attorno a lei.
No, basta soltanto che vi sediate accanto a lei,
e che aspettiate che il suo cuore plachi il battito
che il mondo torni tranquillo a girare
e allora vedrete che sarà lei la prima
ad allungarvi una mano e ad alzarvi da terra
innalzandovi verso il cielo
verso quel cielo immenso
a cui appartiene la sua anima
e dal quale voi non la strapperete mai
per questo in piedi
in piedi
davantia a una donna.

Federica Franceschini, direttrice della Biblioteca comunale "Pablo Neruda" di Albinea consegna la Targa del 3° premio a Lena Catellani

Terza classificata:

LENA CATELLANI

per la traduzione di “Ode al pane”, di Pablo Neruda. 

Motivazione della Giuria: 

Attingendo a un lessico di uso comune, senza uso di arcaismi e senza voler evidenziare la tipicità locale ad ogni costo, ma allo stesso tempo senza forzare la lingua in direzione opposta con calchi dell’italiano e tentativi di costruire un registro elevato, trasmette comunque l’idea di un linguaggio ricco e appropriato. Unico neo: non è stata tradotta l’intera poesia, ma solo un estratto di essa: la versione completa sarebbe molto più lunga. Tuttavia, la parte tradotta raggiunge comunque una dimensione paragonabile a quella di molte altre poesie presentate ed è comunque sufficiente a evidenziare la capacità della traduttrice di produrre una pregevole trasposizione in lingua locale. Il nostro invito è senz’altro quello di porsi l’obiettivo di completare l’opera con una sua traduzione integrale.

 

CANT P’RAL PAN

[…]Ed tớt al mèr e la tèra faròm dal pân,
lavuraròm a furnmèint la tèra e j’ aster.
al pân ed tôt’ al bòchi
ed tôt j’ óm
tôt i dé
al rivarà perchè a sōm andể semnèrel
e a médrèl mia sōl p’r un óm
mó per tôt,
al pân, al pân
per tôt i popôj dal mònd
e cùn al pân tôt cól ch a gh à la so forma e savõr
a spartiròm:
la tèra,
la belèsa,
l’amōr,
tōt cos’ chè
al gh à savòr ‘d pân.
[..]

Traduzione di Lena Catellani

ODE AL PANE

 di Pablo Neruda

[…]

Del mare e della terra faremo pane,
coltiveremo a grano la terra e i pianeti,
il pane di ogni bocca,
di ogni uomo,
ogni giorno
arriverà perché andammo a seminarlo
e a produrlo n0n per un uomo
ma per tutti.
il pane, il pane
per tutti i popoli
e con esso ciò che ha forna di pane
divideremo:
la terra,
la bellezza,
I’amore,
tutto questo ha sapore di pane.
[…]