Cerca
Close this search box.

SALICE PURPUREO

Salice Purpureo

 

 

Denominazione scientifica:
Salix purpurea

Denominazione comune:
Salice rosso

 

Denominazione in Arşân:
Sâleş ròss, Sâleş da panēr, Vîdsa ròsa*

 

Note e Crediti
Il nome specifico è riferibile sia agli amenti maschili (antere) e femminili (stimmi), sia ai rametti dell’anno, di color rossastro. La specie era utilizzata per la fabbricazione di ceste (panēr). Il termine Vidsa è proprio delle zone della bassa reggiana ed è condiviso con altre aree padane. Deriva da una presumibile voce tardo-latina viticia, femminile  di
vitex -icis “vetrice, ramo lungo e flessibile di salice”. [Ferrari] Foto di Silvano Radivo in: Forum Acta Plantarum – Indice

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

ESERCIZI DI TRADUZIONE: ARTHUR RIMBAUD

Una poesia può avere tante traduzioni diverse: possono essere molto fedeli o libere, rispettare la metrica e le figure retoriche o essere lo spunto per una storia nuova. Sei amici hanno provato a tradurre, separatamente Le dormeur du val, di Arthur Rimbaud. Una ulteriore versione è stata costruita con le idee migliori.

LA FÔLA DI TURTLÈIN

Una simpatica favola di Denis Ferretti per fare gli Auguri di Buon Natale a tutti gli amici di Léngua Mêdra.

NERUDA, SZYMBORSKA E LA CIPOLLA

L’umile “cipolla” nei versi di Pablo Neruda e Wisława Szymborska, messi a confronto qui nelle traduzioni in dialetto reggiano dal nostro Denis Ferretti.

PABLO NERUDA: Geografia infruttuosa

Da una conferenza di Maria Rosaria Alfani, traduttrice italiana di Geografia infruttuosa, alla traduzione dell’ultima Poesia della raccolta in dialetto reggiano: cronaca di un percorso difficile, dal risultato incerto, ma importante per conoscere gli ultimi momenti della vita di Neruda

RAFAEL ALBERTI – Galope

Un canto di guerra della Guerra di Spagna è questa famosa poesia del poeta Rafael Alberti, qui ricordato anche per i suoi forti legami con la città di Reggio.

FOSCO MARAINI: Il Lonfo

Si può tradurre in dialetto una poesia scritta in nessuna lingua nota? Denis Ferretti lo ha fatto partendo dalla più famosa poesia di Fosco Maraini: il Lonfo!