Cerca
Close this search box.

PER UN RITORNO AL PAESE

 

 

 

Fantasùte, se fatu
sblanciàde dòngia il fûc,
còme al tramònt d’unviàr
un àrbul svampidìt?
«Jo impìi vècius stècs
e il fum al svuàle scùr
a segnà che pal plan
il vìvi l’è sigûr».
Ma al tò fûc che l’odòre
jo pièrt la mé vòs,
e ’i vorèss jèssi il vint
c’al còle e al no si mòuf.

Ciàle la clàre stràde
par vîdis e morârs,
la sère l’è tornàde
a fati dóls il viàs.
Par vìe tu incontraràs
il mè paîs lontàn;
salùdilu, s’ al tâs
il plant che no tornàn.

Il mè viàs l’è finît.
Dóls odòr di polènte
e trists sìghis di bòus.
ll mè viàs l’è finît.
«Cà, tu vens da noàltris,
MA NOÀLTRIS A SI VÎF:
còme l’àghe ’a consùme
chèl che tu no ti sâs”.

A fiéste ’a bat a glòns
il mè paîs miesdì.
Tai prâs sidinamìnt
mi puàrte la ciampàne.
Sèmpri ché tu ti sôs
ciampàne, e cun passiòn
jo tòrni a la tò vôs.

Il timp ’a no si mòuf:
rèste il rìdi dai pàrìs
– còme tai rams la plòja –
tal vis dai sòs frutîns “.

 

PER UN RITORNO AL PAESE

Ragazzetta, cosa fai,
sbiancata presso il fuoco,
come in tramonto d’inverno
un albero vanisce?
“Io accendo vecchi sterpi
e il fumo vola, oscuro,
a segnare che nel piano
il vivere è sicuro”.
Ma al tuo fuoco che profuma
io perdo la mia voce,
e vorrei essere il vento
che cade e non si muove.

Guarda la chiara strada
per viti e per gelseti,
la sera è ritornata
a farti dolce il viaggio.
Per via tu incontrerai
il mio paese lontano;
salutalo, se tace
il pianto che non torniamo.

Il mio viaggio è finito.
Dolce odor di polenta
e tristi grida di buoi.
Il mio viaggio è finito.
“Qui, tu vieni da noi,
MA NOI SI VIVE:
come l’acqua corrode
quello che tu ignori.”

A festa batte a rintocchi
il mio paese mezzogiorno.
Sopra i prati silenziosi
mi reca la campana.
Sempre quella tu sei
campana, e con dolore
io torno alla tua voce.
“Il tempo non si muove:
resta il riso dei padri
– come nei rami la pioggia –
nel viso dei fanciulli”.

 

PER UN RITORNO AL PAESE

Ragasèta, mó csâ fêt
šbianchîda atâch al fôgh,
cm’ in un tramòunt d’invêren
un êlber ch’al švanéss?
“Impêi di vècc stèch,
e al fóm ch’al vola scûr
al sègna che in dal piân
al vîver l’é sicûr”.
Mó al perfóm dal tó fôgh
mé pêrd la mé vòuš
e vrèss éser al vèint
ch’ al casca e pió as mōv.

Guerda la cêra strêda
Pr’al vidi e i môr,
la sîra l’é turnêda
a ferèt dòuls al viâš.
Per strêda at catarèe
al mé paèiš luntân;
salótel, s’al tês
al piânt ch’ an turnòm.

Al mé viâš l’é finî.
Dòuls odòur ed pulèinta
E trést sîgh di bóo.
Al mé viâš l’é finî.
“Té et vîn ché da nuêter,
MÓ NUÊTER SÒM VÎV:
cme l’aqua la cunsôma
còll che té et sé mía”.

A festa al bat a bôt
al mé paèiš mezdé.
Sòuvra i prèe silèinsious
a’m porta la campâna.
Sèimper còla té t’é
campâna, e cun dulòur
mé torên a la tó vòuš.
“Al tèimp as mōv mía:
gh’armagn al réder di pêder
– damând tra l’ brochî l’aqua –
sòuvra la bòca di putèll”.

GUARDA IL VIDEO 

 

 

Versione in dialetto reggiano recitata dal nostro Luciano Cucchi
I sottotitoli possono essere scelti tra Italiano e Friulano (inserito come Interlingua). Vai sul tasto impostazioni per effettuare la scelta.

Nota:

Pasolini racconta di una sua mania di quel tempo del “voler riconoscere nei figli (supponiamo: un ragazzo biondo) il riso dei padri (un ragazzo biondo di vent’anni fa, che io non avrei potuto mai carezzare con lo sguardo).

L’immagine “Piazza di Versutta di Casarsa” è opera dell’artista friulano Mario Micossi (1926-2005)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

ESERCIZI DI TRADUZIONE: ARTHUR RIMBAUD

Una poesia può avere tante traduzioni diverse: possono essere molto fedeli o libere, rispettare la metrica e le figure retoriche o essere lo spunto per una storia nuova. Sei amici hanno provato a tradurre, separatamente Le dormeur du val, di Arthur Rimbaud. Una ulteriore versione è stata costruita con le idee migliori.

LA FÔLA DI TURTLÈIN

Una simpatica favola di Denis Ferretti per fare gli Auguri di Buon Natale a tutti gli amici di Léngua Mêdra.

NERUDA, SZYMBORSKA E LA CIPOLLA

L’umile “cipolla” nei versi di Pablo Neruda e Wisława Szymborska, messi a confronto qui nelle traduzioni in dialetto reggiano dal nostro Denis Ferretti.

PABLO NERUDA: Geografia infruttuosa

Da una conferenza di Maria Rosaria Alfani, traduttrice italiana di Geografia infruttuosa, alla traduzione dell’ultima Poesia della raccolta in dialetto reggiano: cronaca di un percorso difficile, dal risultato incerto, ma importante per conoscere gli ultimi momenti della vita di Neruda

RAFAEL ALBERTI – Galope

Un canto di guerra della Guerra di Spagna è questa famosa poesia del poeta Rafael Alberti, qui ricordato anche per i suoi forti legami con la città di Reggio.

FOSCO MARAINI: Il Lonfo

Si può tradurre in dialetto una poesia scritta in nessuna lingua nota? Denis Ferretti lo ha fatto partendo dalla più famosa poesia di Fosco Maraini: il Lonfo!