Cerca
Close this search box.

LA BICICLÈTA E LA CÊSA

 

 

Il nostro Giovanni Ramusani,  scrisse un  sonetto,  nella raccolta Don Bortlin da la Chervara, che illustra bene quale fosse la posizione ufficiale della Chiesa, alla fine dell’ottocento, sull’impiego della bicicletta da parte del clero.

A Don Bortlin viene posta la domanda se un sacerdote avesse fatto bene o male a  recarsi in bicicletta da un ammalato che era gravissimo, per amministrargli i sacramenti, non ostante il divieto del Vescovo. Così risponde Don Bortlin, in un dialetto che riprende quello della nostra montagna:

E e me dmandà se j era dla premura?
E pret e vans cièmà da n’ammalà
Póvr óm – saivand e mè – ch’a  gh’ èra dà
La gózza, e che ’s’n andava per sicura!

Ajèval da lassar na cheriatura
De Sgnór sènza che fuss sacramentà?
Egh’ andj in biciclètta! Ha fatt e pcà?
Ha fatt e só dovèr, n’abbie paiura!

  • Ma e disi ch’an se pól andar acsj!
    – Ma per cossa an se pól? – An ghe guadagna
          Caràtter, dignità e sòja mj!

– Caràtter, dignità? Corpo ’d cóll quàtter!
Ma quand e vèn e Vèschve su in montagna
E monta l’asi e e mul, él in caràtter?

Cosa spinse Giovanni Ramusani a scrivere questo sonetto e ad essere così polemico con il vescovo?

Molto probabilmente fu un episodio, ricordato nelle cronache e nei libri sulla storia della bicicletta,  di un prete di Ravenna che nel 1910 aveva avuto il coraggio di chiedere, attraverso il giornale della parrocchia “se un sacerdote può nel caso di un ammalato grave inforcare la bicicletta nonostante il superiore divieto?”

Leggere oggi questo trafiletto del Corriere della Sera del 30 luglio 1894 può lasciare increduli, ma per molti anni le autorità religiose ostacolarono i preti, vietando loro l’utilizzo della bicicletta anche per i doveri del loro ufficio. La bicicletta era vista come un simbolo della modernità che stava facendosi strada in quegli anni sull’onda del positivismo scientifico rispetto al quale il Vaticano era fortemente contrario.

Scriveva l’ L’Osservatore romano nel 1898

«Il velocipedismo è una vera anarchia nel mondo della locomozione materiale, come l’anarchia è un vero velocipedismo nel mondo della vita sociale. Il velocipedista non è un pedone, non è un cocchiere di carrozza, non è un macchinista di ferrovia, non è un animale da tiro o da soma: è un che di ermafrodito, di indefinibile, di inclassificabile, che sfugge ad ogni legge di moto, di trazione, di trasporto; quale più completa anarchia pertanto è il velocipedismo che passa sopra e respinge ogni legge fisica e ogni modo di organizzazione e di esecuzione di ogni legge in ordine al moto e alla locomozione? […] Adesso tutti vogliono essere velocipedisti: giovani e vecchi, uomini e donne montano sulla bicicletta: si fanno corse, si fanno viaggi, si fanno spettacoli di bicicletta e di biciclismo. Non date un passo per istrada che non abbiate alle spalle, davanti, ai lati, velocipedisti e biciclette: è una vera invasione velocipedistica, da cui nessuno può più salvarsi… ».

Molti parroci compresero subito che la bicicletta poteva essere un utilissimo mezzo per spostarsi rapidamente per portare un’estrema unzione, o ricevere una confessione in un convento e per molti altri adempimenti, senza dover ricorrere al mantenimento di un cavallo o di un asino (per chi poteva permetterselo). Tuttavia, i preti “ciclisti” dovevano sfidare i divieti vescovili, motivati soprattutto dalla presunta perdita di dignità del religioso, costretto ad arrotolare la veste per poter salire in bicicletta ed assumere una posizione “sconveniente”.

I pochi produttori di biciclette del tempo capirono  molto rapidamente che il clero poteva essere un ottimo cliente e un formidabile influencer dell’utilità del nuovo mezzo. L’Umberto Dei, una delle prime fabbriche italiane di biciclette, mise a punto un modello di bicicletta priva della canna orizzontale, chiamato levita, che consentiva così al religioso di pedalare senza bisogno di sollevare troppo l’abito talare. In pratica, una bicicletta simile a quelle create per le donne dalla Rover nel 1892, con le ruote della stessa dimensione delle biciclette da uomo.

Questa innovazione fece “levitare” il numero dei preti ribelli agli ordini ecclesiasti, come questo di Giuseppe Sarto, Patriarca di Venezia e amministratore apostolico della diocesi di Mantova, che sarebbe diventato Papa X di lì a poco.

«Finalmente a mantenere la gravità e il decoro sacerdotale, siccome in questi giorni è introdotto nei laici l’uso di una specie di veicolo a ruote detto velocipede o bicicletta, e si è diffuso a tal punto, che non pare si possa più vivere senza di esso; siccome questa novità minaccia di essere adottata anche da qualcheduno del clero, ordino che se ne astengano affatto gli ecclesiastici di questa diocesi. […] Ogni cosa infatti, che tende e si avvicina alle abitudini dei secolari accusa il prete di vanità e di leggerezza in faccia al mondo. […]. So bene che non mancano fra gli stessi sacerdoti dei patroni eloquenti del velocipede o della bicicletta dichiarandola opportunissima per il clero; ma rispettando le opinioni di tutti io trovo necessario di proibirne l’uso a tutti i sacerdoti della mia diocesi».

Molto numerose furono le sospensioni a divinis di religiosi non rispettosi del divieto, ma vi furono anche alti prelati che cercarono di superare questa situazione. Uno di questi fu il vescovo di Cremona Geremia Bonomelli, che così intervenne sulla questione:

«In questa mia diocesi vi sono parrocchie vastissime, che hanno il circuito di 10, 15, 20, 25 e più chilometri, con buona parte della popolazione che dista uno, due, quattro, sei e più chilometri dalla residenza parrocchiale. Non tutti possono avere cavallo e carrozza, e per questo alcuni parroci e coadiutori usano delle biciclette per recarsi a visitare gli infermi. Il vantaggio ottenuto da questo mezzo è grande, e già più volte, soltanto per la velocità di questo mezzo di trasporto fu possibile amministrare i sacramenti ai moribondi».

Questa situazione si trascinò ancora negli anni successivi e nel 1915 fu il prete di un paesino mantovano, Don Doride Bertoldi, poeta dialettale con lo pseudonimo di Anfibio Rana, a schierarsi contro il divieto vescovile:

Ch’a gh’ vaga in bicicletta ‘l moliner
Ch’ a gh’ vaga ’l marangon e ’l murador
Lor si ch’ i pöl! Su pur, su pur barber,
ch’a ’l faga prest, ch’a ’l monta, sior sartor.
A gh’ à d’andar insima ’l campaner,
ma diol? E ch’a ’viagia come on sior;
al fachin, al spasin, fin al busèr,
ma ’l pret, oibò! ’l saria on disonor!
Al pret in bicicleta? Gnent afat,
voler o non voler l’è n’indecensa;
on pret sentà là in sima al par on mat.
Al perd la dignità, la conveniensa;
a pè ch’i vaga i paroch e i curat
s’i l’ha da esercitar la penitensa
Che vada in bicicletta il mugnaio,
Che ci vada il falegname e il muratore.
Loro sì che possono, salga pure, barbiere,
Faccia presto, salga, signor sarto
Ci deve salir sopra il campanaro,
ma diamine? E che viaggi come un ricco;
il facchino, lo spazzino, anche il becchino,
ma il prete, oibò! sarebbe un disonore!
Il prete in bicicletta? Niente affatto,
volere o non volere è un’indecenza;
il prete seduto lassù sembra un matto.
Perde la dignità, la convenienza;
vadano a piedi i parroci e i curati
se devono esercitar la penitenza!

La posizione di ostilità delle autorità religiose perdurarono a lungo e nel frattempo, all’epoca della Grande Guerra, a complicare le cose arrivò anche la motocicletta, curiosamente definita “bicicletta a macchina” o più precisamente nel gergo curiale “birota ignifero latice incitata” (biciclo mosso da un liquido combustibile).

Fino alla metà del ‘900, l’apparizione di un prete in bicicletta poteva destare il sorriso nella gente comune e in tanti, anche in anni molto più recenti, hanno conosciuto un qualche prete bonariamente soprannominato Don Pedivèla. Un significativo messaggio di apertura alla “novità” della bicicletta arrivò molto tardivamente quando Papa Pio XII decise di accogliere nella Città del Vaticano la carovana del Giro d’Italia per una benedizione papale: era il 26 giugno 1946.

Per Stefano Pivato, professore dell’Università di Urbino e profondo conoscitore della storia della bicicletta, vi è una scena nel film Don Camillo e l’Onorevole Peppone, che rappresenta simbolicamente questa riconciliazione, laddove Peppone e Don Camilo si rincorrono lungo gli argini di Brescello, superandosi a vicenda, ma senza che vi sia un vincitore.[ascolta]

Infine, a suggello di una vicenda durata più di un secolo, nell’ottobre del 2021, papa Francesco ha voluto l’ingresso della polisportiva Athletica Vaticana nell’Unione ciclistica internazionale.

Abbiamo dunque capito per quale ragione Giovanni Ramusani scrisse quel sonetto!

 

 

2 risposte

    1. Grazie Professore per il suo graditissimo commento. I migliori Auguri di Buone Feste e Felice Anno Nuovo dal gruppo di amici di Léngua Mêdra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

ESERCIZI DI TRADUZIONE: ARTHUR RIMBAUD

Una poesia può avere tante traduzioni diverse: possono essere molto fedeli o libere, rispettare la metrica e le figure retoriche o essere lo spunto per una storia nuova. Sei amici hanno provato a tradurre, separatamente Le dormeur du val, di Arthur Rimbaud. Una ulteriore versione è stata costruita con le idee migliori.

LA FÔLA DI TURTLÈIN

Una simpatica favola di Denis Ferretti per fare gli Auguri di Buon Natale a tutti gli amici di Léngua Mêdra.

NERUDA, SZYMBORSKA E LA CIPOLLA

L’umile “cipolla” nei versi di Pablo Neruda e Wisława Szymborska, messi a confronto qui nelle traduzioni in dialetto reggiano dal nostro Denis Ferretti.

PABLO NERUDA: Geografia infruttuosa

Da una conferenza di Maria Rosaria Alfani, traduttrice italiana di Geografia infruttuosa, alla traduzione dell’ultima Poesia della raccolta in dialetto reggiano: cronaca di un percorso difficile, dal risultato incerto, ma importante per conoscere gli ultimi momenti della vita di Neruda

RAFAEL ALBERTI – Galope

Un canto di guerra della Guerra di Spagna è questa famosa poesia del poeta Rafael Alberti, qui ricordato anche per i suoi forti legami con la città di Reggio.

FOSCO MARAINI: Il Lonfo

Si può tradurre in dialetto una poesia scritta in nessuna lingua nota? Denis Ferretti lo ha fatto partendo dalla più famosa poesia di Fosco Maraini: il Lonfo!