Cerca
Close this search box.

Franco Tagliati – Guastalla (RE), 1947

Franco Tagliati è nato nel 1947 a Guastalla, dove attualmente vive e lavora.

Molteplici sono i suoi interessi in ambito artistico: è autore di commedie, attore, scrittore, poeta e pittore. Per queste sue attività ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti sia in ambito locale che nazionale.
In particolare, per quanto riguarda la poesia dialettale, ha vinto la targa d’oro al XXIX concorso della Giareda (2008) e ha vinto il concorso di poesia dialettale di S. Ilario D’Enza.

*

Tra le sue pubblicazioni vanno ricordate: Terra Amata (2010); Racconti di vita e d’amore (2016);  Diario di un adolescente (2019). Nel 2020 ha pubblicato Scrivo e scriverò di te, un libro di poesie dedicate al Grande Fiume (metà in dialetto con traduzione).
Poesie di Franco Tagliati sono pubblicate nell’Antologia Viaggi Di Versi di Nuovi Poeti contemporanei.

 


 

Le poesie dialettali di Franco Tagliati sono scritte nel dialetto di Guastalla,
(dialétt cha và in gir sopp e al’s perd in dli fümàni / cme un furastér / e al càsca in di foss / imbariàgh par di són busiàdar),
che risente della vicinanza geografica di Mantova e dell’influenza culturale dei Gonzaga, per ben due secoli dominatori della città.

Di queste poesie Tagliati ci dà sempre anche una versione in lingua, che non è mai una semplice traduzione letterale dal dialetto, ma una composizione che può vivere di vita propria.

*

Le sue poesie si distinguono dalla maggior parte della produzione poetica dialettale reggiana per l’ assenza di metrica, essendo scritte in versi liberi, privi di rime e assonanze.
Il loro fascino deriva dalle immagini che Tagliati riesce ad evocare, come  il Po che diventa un
padar frì / poéta e cantùr sevér ad terén pantanùs / urguliùs re da s-ciàp ‘d airón
o il ricordo affettuoso del padre: A’s sént al tö pruföm padar / in-di prufìl pulvrént dli robi.

 


 

A ME PADAR

A caresì i tö ugètt
in cla scarsità ad lüs chè
la tö fèra e la tö vanga
dli vecci quartìni ad disch
e la scàtula dal tabàcch.
A’s sént al tö pruföm padar
in-di prufìl pulvrént dli robi
l’amùr par la tera
e memòrii cumpagnàdi da dli làgrimi
cun d’l-amàr saùr ad rimpiànt
in d’al sàino ad ricòrd ch-al pésa
ch-al bisbìlia dli furmi
e dli ómbri imprècisi
la tö figüra
in mes a dli spighi ad furmént
la cursa d’an pütlét
svelt cm-el vént
in-si tö brass fort
cme ‘na gran prutesión.

*

PADRE

Accarezzo i tuoi oggetti
in questa penombra
la falce e la vanga
vecchie copertine di dischi
la scatola di tabacco.
C’è essenza di te, padre
nelle sagome impolverate
l’amore per la terra
memorie a cui seguono lacrime
amaro sapore di rimpianto
nel pesante zaino di ricordi
sussurranti forme
e ombre indefinite
la tua immagine
tra le spighe
la corsa d’un bimbo
in bocca al vento
e le tue braccia forti
come rifugio.

 


 

AL PO IN DI OCC

Un sulch grand
in dal cör dla pianüra
àqui dal culùr dal piómb
muntagnoli ad sàbia, àrsan, guléni
tramès a di níd ad lüs e ómbri
un cüntàr viv
ad stòrii antìghi cm-el mónd
padar frì
poéta e cantùr sevér ad terén pantanùs
urguliùs re da s-ciàp ‘d airón
e in di occ ta scórr
tramès a àrsan silénsiùs
cambiànd paesàgg
al süsùr dli piòpi
un cant cl’è in ‘d-l’alma
in di occ anca al dulùr
ad véni inquinàdi
da la silénsiùsa stüpidìsia dl-om
ancórra in di occ un turmént
ad raìs masàdi dai velén
e al me sbrài
cl-armàgn fugà in dla gula.

*

IL PO NEGLI OCCHI

Grande solco
nel cuore della pianura
acque plumbee
dune argini golene
tra nidi di luci ed ombre
vivo narratore
di storie antiche come il mondo
padre ferito
austero menestrello di paludi
fiero sovrano di stormi di aironi
negli occhi scorri
tra argini silenziosi
mutando paesaggi
al frusciare dei pioppi
il canto è nell’anima
negli occhi il dolore
di vene inquinate
dalla silenziosa stoltezza umana
negli occhi la pena
di radici uccise dai veleni
ed il mio grido
rimane soffocato nella gola.

 


 

DIALÉTT

Raìs penetràdi
in-dal témp antìgh
par di són bütà föra
da labar sütìll
chi pàrla ad tera
e i gha al pruföm
dal pan cavà dal furan,
dal latt apèna munt, da stala,
ad fén.
Gran presiùs
ad vida gran ‘d övva asprégn
ad sarési róssi
cme al sanguv dla tera.
Le stu dialétt cha và in gir sopp
e al’s perd in dli fümàni
cme un furastér
e al càsca in di foss
imbariàgh par di són busiàdar.
Stòm mia perdar ‘l acént
dla sö vus
prutegiòm al dir antìgh
sa vròm salvàr al bun séns.

*

DIALETTO

Radici immerse
nell’antico tempo
suoni emessi
da labbra sottili
che parlano di terra
ed hanno la fragranza
del pane sfornato,
di latte munto, di stalla,
di fieno.
Acini preziosi
di vite acini asprigni
di ciliegie rosse
come il sangue della terra.
Dialetto che vaga zoppicando
e si perde nelle nebbie
come uno straniero
e cade nei fossi
ubriaco di falsi suoni.
Non perdiamo il suono
della sua voce
proteggiamo l’antico dire
se vogliamo salvare la saggezza.

 


 

INQUINAMÉNT

Nüàtar a siòm
vìttima e bòia
in dl’inquinàr al paesàgg
a-sasén sbadà
ad nüàtar stéss
e quànd i pés i murirà
in-di fiöm ch-an dà mia pö frütt
a-d biròm dal velén
da la broca in-sla tàula.
Nüòtar giüda
traditùr dla tera
ch’a smerciòm par trénta besi
la furèsta
i-àrbui ch’a brüsòm
e a distrügiòm i-avi
e a masòm l’ültma sperànsa
di fiùr ch’a ga da gnir.

*

INQUINAMENTO

Noi
vittime e carnefici
nell’inquinato paesaggio
assassini distratti
di noi stessi
quando i pesci moriranno
nei fiumi sterili
berremo il veleno
dalla caraffa sulla tavola
Noi Giuda
traditori della terra
che vendiamo per trenta denari
la foresta
che bruciamo alberi
e distruggiamo l’ape
uccidiamo l’ultima speranza
dei fiori del futuro.

 


 

‘NA FÒIA

An véd mia pö li me scarpi
sul ‘n ómbra cla-sa-slùnga.
Intànt al vént l’am cücià via
e me a sum dvantà ‘na fòia
‘n alma ingialìda
stràca
e l’ünica caréssa cha go
l’è in ch-al sbóff chè
par piruléttarum
in-dal scür
ad ‘na chiét caldéna.

*

FOGLIA

Non vedo più le mie scarpe
ma ombra che s’allunga.
Il vento mi sospinge
sono foglia
anima ingiallita
stanca
unica carezza
quel soffiare
per volteggiare
nel buio
di una tiepida pace.

 

 


 

Bibliografia
Franco Tagliati: Terra amata; prefazione di Gustavo Marchesi. E. Lui, Reggiolo 2010.
Franco Tagliati: Racconti di vita e d’amore; Montedit, Melegnano, 2016.
Franco Tagliati: Diario di un adolescente; Studio Byblos,  Palermo, 2019
Franco Tagliati: Scrivo e scriverò di te; Carta e Penna Editore, 2020
Poesie di Franco Tagliati sono pubblicate nell’Antologia di Viaggi di versi; Pagine s.r.l. di Elio Pecora, Roma.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

ESERCIZI DI TRADUZIONE: ARTHUR RIMBAUD

Una poesia può avere tante traduzioni diverse: possono essere molto fedeli o libere, rispettare la metrica e le figure retoriche o essere lo spunto per una storia nuova. Sei amici hanno provato a tradurre, separatamente Le dormeur du val, di Arthur Rimbaud. Una ulteriore versione è stata costruita con le idee migliori.

LA FÔLA DI TURTLÈIN

Una simpatica favola di Denis Ferretti per fare gli Auguri di Buon Natale a tutti gli amici di Léngua Mêdra.

NERUDA, SZYMBORSKA E LA CIPOLLA

L’umile “cipolla” nei versi di Pablo Neruda e Wisława Szymborska, messi a confronto qui nelle traduzioni in dialetto reggiano dal nostro Denis Ferretti.

PABLO NERUDA: Geografia infruttuosa

Da una conferenza di Maria Rosaria Alfani, traduttrice italiana di Geografia infruttuosa, alla traduzione dell’ultima Poesia della raccolta in dialetto reggiano: cronaca di un percorso difficile, dal risultato incerto, ma importante per conoscere gli ultimi momenti della vita di Neruda

RAFAEL ALBERTI – Galope

Un canto di guerra della Guerra di Spagna è questa famosa poesia del poeta Rafael Alberti, qui ricordato anche per i suoi forti legami con la città di Reggio.

FOSCO MARAINI: Il Lonfo

Si può tradurre in dialetto una poesia scritta in nessuna lingua nota? Denis Ferretti lo ha fatto partendo dalla più famosa poesia di Fosco Maraini: il Lonfo!