’NA FÔLA ANTÎGA

 

 

Novèmber, 2022

La fôla ed novèmber ch’ am piasré countêrov viene dall’alba dei tempi e la pêrla ed la sutîla lénia ed divişiòun che gh ē tra al d’ed sà e al d’ed là…In fîn di cùnt nuvèmber l ē al mèis di môrt e la gh ē stà bèin. Vita e morte in questo periodo sembrano trovare un confine di effimero dialogo.

La cultura antica, dalla quale discendiamo tutti, l îva catê ‘na bèla spiegasiòun ind ‘na fôla, còla ed Proserpina e Plutone. Proserpina l ēra la bèla fiola ed Cerere, la dea delle messi. Plutone, al dio dal mònd d’ed là, un bel giorno l’ha rapita e al l à purtêda sēgh sòt tèra. La mêdra Cerere, disperata, la dmandê a Giove ed dîr a só fradèl Plutone ed lasêrla andêr via, mó Plutone al gh îvà fât magnêr al magnêr di môrt: quache chicco di melagrana. Acsé, Proserpina l ēra lighêda per sèimper al regno dei morti, ma Giove l îva decîş che Proserpina la gh îva da stêr sòt tèra nei mesi dell’autunno e dell’inverno e ch la prîva turnêr viva sòvra la tèra ogni ân, in premavèira e in istê.

In novembre anche la terra e tutte le piante sembrano morire, tânt ch’ al provêrbi al dis:

Pri môrt stréca l’ôrt.

Come Proserpina, invece, la vita è solo nascosta sotto la terra, che sembra immersa in un dolce sonno, quêşi ’na gabanèla, perché in realtà continua a nutrire i semi, tanto che:

Al furmèint a San Martèin
L ê dmej int al câmp che al mulèin.

Il lavoro dei campi era finito ma chi non era ricco non poteva godere dei frutti del suo lavoro perché:

Per Sân Martèin, la bòta pîna ed vèin
Mó ch’impés al botòun
L ē sèimper al sgnòur padròun .

Per San Martino, per molti mezzadri finiva la véta sòuvra al fònd vèc e cminsipiêva còla in un nôv sît.

E la speranza dei contadini in un nuovo anno migliore non era legata ai brindisi di Capodanno ma ai segni del tempo atmosferico:

Ed novembèr, quând tròuna,
l ē ’l signêl ‘d ’n’aneda bòuna.

oppure,

se vrî ’n êter pruvêrbi:
Se al dé ’d Sân Martèin
al sòul al và in bisaca
vênd al fèin e tîn la vàca;
se al sòul al va indal srèin
vênd la vàca e tîn al fèin. 

Stê bèin e po’ grâsia.

GUARDA IL VIDEO

 

Nell’immagine: Gian Lorenzo Bernini: Il ratto di Proserpina, Galleria Borghese- Roma. Foto GF Nasi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

DIALETTO È UNA BRUTTA PAROLA?

Quante volte si sente dire: – No, il dialetto …. non è un dialetto ma una lingua! Sembra che chi vuole difendere il dialetto rifugga da questa parola per dire che il suo dialetto è più importante degli altri e che raggiunge la dignità di lingua. In un bel libro sui dialetti nell’Italia unita, il suo autore spiega la differenza fra il dignificato delle parole dialetto e dialect (inglese), forse all’origine di questo atteggiamento.

COME STANNO I DIALETTI ITALIANI?

Un Rapporto ISTAT relativo all’anno 2015 fornisce molti dati sull’utilizzo dei dialetti in Italia in diversi contesti della comunicazione, nonché il trend nel corso degli ultimi 30 anni.

BIBBIANO: IL MUSEO “IL NEMICO ERA COME NOI”

Un video per conoscere l’esistenza a Bibbiano di un piccolo ma interessantissimo museo che raccoglie reperti della Prima Guerra Mondiale, un messaggio contro tutte le guerre rivolto soprattutto ai giovani.

FABRIZIO DE ANDRÉ

Fabrizio De André ha tradotto testi di cantautori e poeti, suscitando grande ammirazione nella critica per l’abilità con cui ha inserito in queste storie i temi a lui più cari, quali la difesa dei più deboli e il valore della libertà. Luciano Cucchi, a sua volta, ha tradotto in dialetto e ha dato voce ad alcune di queste storie.

ALDA MERINI

“Sono nata il ventuno a primavera” e “Io come voi sono stata sorpresa”: due poesie di Alda Merini tradotte nel nostro dialetto.

VÓLA BÂS

Da Bibbiano un bellissimo esempio di come si può insegnare il dialetto ai ragazzi grazie all’attività del gruppo Vóla Bâs e alla collaborazione con il mondo della Scuola. Così anche imparare l’Educazione Civica diventa un gioco da ragazzi!