BARBA DI BECCO

Barba di Becco

 

 

Denominazione scientifica:
Tragopogon pratensis

Denominazione comune:
Barba di becco comune, Barba di becco dei prati

 

Denominazione in Arşân:
Atasein **, Ciocabèch, S’ciocabèch

 

Note e Crediti
Mentre il nome italiano deriva da quello scientifico (dal greco “trágos” = caprone e “pogón”= barba, con riferimento alle setole del pappo, che fanno pensare alla barba di un caprone), il nome dialettale fa riferimento secondo alcuni al rumore (ciôch -> schiocco, rumore secco e sonoro) che fanno i becchi degli uccelli quando sbattono tra di loro per la mancanza di cibo. I getti più teneri della pianta erano una piccola risorsa contro la fame.
Per il termine atasèin sono state proposte tre origini. 1) dal latino e dal greco  athanasia, immortalità, per le proprietà depurative della pianta. 2) dal latino lactaria herba , da cui il parmigiano lattusen e forse atasèin, per il lattice bianco, simile al latte. 3) rimanenza di una antica voce indo-europea, per indicare giovani germogli delle piante di cui resta traccia nel letto-lituano ataudzēt, che indica pollone tenero.[RB-GB].

Foto di Marinella Zepigi in: Forum Acta Plantarum – Indice

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

LUCA ACCORSI

Luca Accorsi ama scrivere e recitare poesie in dialetto. Ringraziamo Luca per averci concesso di pubblicare due sue significative interpretazioni.

LA FÔLA ED SALVÂGNA

Un’antica favola reggiana che i vecchi erano soliti raccontare ai bambini per giustificare le macchie scure che compaiono sulla faccia della Luna piena. Denis Ferretti l’ha fissata nella versione dialettale, come il nonno gliela raccontava, per la gioia dei bambini di oggi e per quelli del futuro.

LA COMUNITÊ DAL CRÒJ

Un’associazione di donne di Bibbiano attive per la conservazione del dialetto e delle tradizioni locali.

GIANNI RODARI

Le filastrocche, le favole e i racconti ben si prestano ad essere tradotti in dialetto, pronti per essere letti o insegnati ai bambini. Ma quelle scritte da Gianni Rodari hanno molto da insegnare anche agli adulti…

ILDO CIGARINI

Ildo Cigarini, poeta reggiano in lingua, ci ha donato un suo “dialogo scherzoso con la morte” per la traduzione dialettale di Denis Ferretti.

CM ÎN NASÛ I CAPLÈT ARŞÂN

Una piccola fake-news per ambientare in terra reggiana l’origine dei cappelletti, prendendo a prestito Alessandro Tassoni e Giuseppe Ceri. Per onestà, viene raccontata anche la vera, sebben fantasiosa, storia della nascita dei tortellini: bolognesi o modenesi? Noi reggiani abbiamo i cappelletti e non entriamo nella diatriba.

TRADURRE: UNA DISCIPLINA INSIEME MODESTA E GRANDIOSA

Nei tentativi di tradurre in ‘reggiano’ dall’italiano o da altre lingue o dialetti (prove di traduzione nostre e degli amici sempre più vicini), vi è l’atto della ricerca di una parola essenziale che incontra le lingue dalle quali tradurre