Cerca
Close this search box.

LA STÔRIA ’D LA BALĒNA DAL CRÒSTEL

 

 

Fonte: Foto ARS, Collezione naturalistica Musei Civici Reggio Emilia

 

La stôria ch av vòj cuntêr la pêrla dla balēna dal Muşéo ed Rèş. Nò, mia Valentina, còla ch l a gh a sōl j ôs e gnînt cécia. A dégh cl êtra, còla  nîgra e tóta intēra. M’arcmând: an dgî mia ch l’ē na balēna ai ragasō d’incô perchè av curēşen subét:

– Papà, non è una balena è un capodoglio!

E a gh an ragiòun e uêter acsé sî bèle ferghê. Al problēma l ē che in dal nôster dialèt an gh ē mia un nòm per cla bèstia ché, a gh òm da druvêr al nòm ch a s gh arvişa dipió e alōra la ciamòm balēna…mo … sé,  vést ch l’ē ché, pròm ciamêrla … la balēna dal Cròstel.

Alōra av fòm cuntêr cme l’ē andêda diretamèint da ló … al mòster…

L’ēra ‘na nôta scûra, sèinsa Lûna dal 1938 e mé viaşêva cun sînch me fradē, am sembrêva ch a gh fós quèl ch a n andêva mia pral vêrs gióst, mo’ csa vōt che vâga a dîr mé ch a sēra al pió céch, ēra rivê di ōrden prèciş:

– Avanti tutta!

L’âcva la dvintêva sèinper pió chêlda e bâsa, fintânt che s an gh la cavêva pió a nudêr e acsè la spiâgia tâch a Senigâlia l ē stê l ûltom pôst che j òm vést da vîv.

La coperatîva d pescadōr lé arèint quând a s ân catê e cherdîven mia a i so ôc! Ä n îven mai vést di bestiòun dal gèner.

I giûrnêj titolêven “Sei poderosi mostri delle profondità marine rinvenuti sulla spiaggia nei pressi di Senigallia”.

L ē stē lé che i pescadōr j ân pinsê:

–  E se carghesén al piò céch in séma a un câmion e giresén pral pruvînci ed tót l’Italia? Dû frânch i ciapòm ed sicûr…

“Venghino, venghino signore e signori, giovanotti, signorine e militari metà prezzo! Dalle profondità marine ultima tappa e per pochi giorni a Reggio Emilia la mostruosa creatura più grande del mondo! Il Capodoglio terrore dei mari!”

Sé, al bestiòun ch al parîva un pès, ânca s l ēra un mamifero, l ēra propria ‘drē ‘ndêr ed patólia! O s av piêş dipió al cantêva “la marsigliese”!

“A stê pûnt j arşân a gh àn avû na pinsêda: -E se cûn pôch frânch la cumpresén nuêter?, a ‘l fòm imbalsamêr e dôp a ‘l purtòm al muşéo che tót a ‘l pōlen vèder…

Cojósi, j arşân an îven mai vést un quèl  cumpâgn. Sé, îven sintû parlêr dal balēni, mó cgnusîven sōl la balēna biânca, Moby Dick, e pó fōrsi gnân còla.

Mé sēra un bestiòun nîgher, mia biânch, e lócid.

Uêtr arşân ch a sî bòun, a m î tgnû ché vôsch e a m î més ché indal muşèo insèm a tóti al bèsti dal sgnōr Spallanzani. Acsé, Socrate Gambetti, l’imbalsamadōr dal Muşèo, al m à scarughê per 18 mèiş  e adèsa m evdî cm’ al m à més insèm. L à dvû fêr ânca dal pêrti nôvi, ch j ēren marsîdi. La còva, invēci, al l à dvûda pighêr per prèir pasêr indi curidōr dal Muşèo.  I  déint  an s vèden mia anch se  mé sûn un Capodoglio, la bèstia pió grôsa dal mònd cun di dèint. Moby Dick, ch l ēra ânca ló un capodoglio cme mé,  cûn na muşghêda l à purtê via la gâmba dal capitân Achab,  v arcurdêv?

A gh î ânch da saveìr che in inglèiş mé am ciamen Sperm Whale ch a vōl dîr “sperma di mostro marino”. I prém casadōr ed capodogli îven scambiê la matèria biânca, pastōşa, ch a gh ē dèinter al nôster testòun per la nôstra smèinta, mèinter invēci l ē al “spermaceti”, na sēra bòuna per fêr al candèili e al crèmi d belèsa.

A nuêter invēci che sòm bèle bē per nôster cûnt, la s servés per comunichêr cûn i nôster parèint e cûn j amîgh. Perchè nuêter sòm bòun ed  fêr di sòun, di “click click”, che viâşen per chilômeter e chilômeter indl’âcvua préma d èser sintû quând a rîven a destinasiòun. E s’an gh ésen mia cla sēra lé indal testòun i click a gnirén mia fōra. Un vèir incânt ed la natûra.

Bèin, adèsa di capodogli in saî pió ‘uêter di vôster ragâs e prî fêr bèla figûra quând a i purtarî a vèdrom al Muşèo.

Mó per piaşèir an ciamêm mia “Al mòster dal Cròstel” perché mé a n sûn mia dal Cròstel mo ‘n sûn gnân un mòster.”

Stê bèin e pó grâşia.

La storia della balena del Crostolo - versione in italiano
La storia della balena del Crostolo

La storia che vi vogliamo raccontare parla della balena del Museo di Reggio. No, non la balena Valentina, quella tutto scheletro e niente carne. Parlo dell’altra, quella nera e intera.
Mi raccomando: non dite che è una balena ai bambini di oggi perché vi correggeranno subito:

– Papà, non è una balena è un capodoglio!
E hanno ragione loro. Il fatto è che nel nostro dialetto non esiste un nome specifico per questo animale, e allora utilizziamo quello dell’animale che più gli assomiglia e per questo la chiamiamo balena… ma sì, visto che è qui, possiamo chiamarla … la balena del Crostolo.

Allora vi facciamo raccontare come sono andate le cose direttamente da lui… dal mostro…

“Era una notte scura, senza Luna ed eravamo nel 1938. Io viaggiavo assieme a d altri cinque miei fratelli, mi sembrava che ci fosse qualcosa di strano, ma cosa potevo dire io che ero il più piccolo ed erano arrivati degli ordini precisi:
– Avanti tutta!
L’acqua diventava sempre più calda e bassa, finché non si riusciva più a nuotare e così la spiaggia vicino a Senigallia fu l’ultima che vedemmo da vivi.
I pescatori della locale cooperativa non credevano ai loro occhi quando ci trovarono. Non avevano mai visto animali simili.

I giornali titolavano “Sei poderosi mostri delle profondità marine rinvenuti sulla spiaggia nei pressi di Senigallia”.

A qul punto i pescatori pensarono di caricare me, che ero l’animale più piccolo, su un camion e portarci sulle piazze d’Italia, per guadagnare qualcosa.

“Venghino, venghino signore e signori, giovanotti, signorine e militari metà prezzo! Dalle profondità marine ultima tappa e per pochi giorni a Reggio Emilia la mostruosa creatura più grande del mondo! Il Capodoglio terrore dei mari!”

[Con una tipica espressione reggiana un bambino disse:] ¬ Vâca s l ē grôs papà, mó vâca ancōra s al pósa cla bestiâsa lé!

Sì, perché il bestione, che sembrava un pesce, anche se era un mammifero, stava proprio diventando marcescente!

A questo punto i reggiani ebbero un’idea: – E se per poche lire lo comperassimo noi? Lo imbalsamiamo e poi lo portiamo al museo così che tutti possano vederlo…

“In effetti, i reggiani non avevano mai visto una cosa simile. Sì, avevano sentito parlare delle balene, ma conoscevano solo la balena bianca, Moby Dick, e forse nemmeno quella. Io invece ero un bestione nero anziché bianco, e lucido.
Voi reggiani che siete buoni, mi avete tenuto con voi e mi avete messo qui nel museo assieme a tutti gli animali del signor Spallanzani. Così, Socrate Gambetti, il tassidermista del Museo, ha scavato nel mio corpo per 18 mesi e adesso mi vedete così come lui mi ha sistemato. Ha dovuto ricostruirmi una qualche parte che erano marcite. La coda invece, l’ha dovuta piegare un poco per poter passare attraverso i corridoi del Museo. Non si vedono nemmeno i denti anche se io che sono un capodoglio, che è l’animale vivente più grande munito di denti. Moby Dick, era anche lii un Capodoglio e con un morso portò via la gamba al capitano Achab, vi ricordate?
Dovete anche sapere che in inglese mi chiamano Sperm Whale che significa “sperma di mostro marino”. I primi cacciatori di capodogli scambiarono la materia bianca, morbida che abbiamo nel nostro testone per semenza, mentre in realtà si tratta di “spermaceti”, una cera ottima per fabbricare candele e creme cosmetiche.
A noi invece che siamo già belli per nostro conto, ci serve per comunicare con i nostri parenti e amici. Perché noi utilizziamo dei suoni speciali, dei click click, che viaggiano per chilometri e chilometri nell’acqua prima di essere ascoltati a destinazione. Se non avessimo questa cera nel testone non si potrebbero produrre questi click. Un vero incanto della natura.

Bene, adesso dei capodogli ne sapete più voi dei vostri ragazzi e potete fare bella figura quando li porterete al Museo.

Ma, per piacere, non chiamatemi “Il Mostro del Crostolo” perché io non sono del Crostolo e non sono nemmeno un mostro.”

State bene e poi grazie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

ESERCIZI DI TRADUZIONE: ARTHUR RIMBAUD

Una poesia può avere tante traduzioni diverse: possono essere molto fedeli o libere, rispettare la metrica e le figure retoriche o essere lo spunto per una storia nuova. Sei amici hanno provato a tradurre, separatamente Le dormeur du val, di Arthur Rimbaud. Una ulteriore versione è stata costruita con le idee migliori.

LA FÔLA DI TURTLÈIN

Una simpatica favola di Denis Ferretti per fare gli Auguri di Buon Natale a tutti gli amici di Léngua Mêdra.

NERUDA, SZYMBORSKA E LA CIPOLLA

L’umile “cipolla” nei versi di Pablo Neruda e Wisława Szymborska, messi a confronto qui nelle traduzioni in dialetto reggiano dal nostro Denis Ferretti.

PABLO NERUDA: Geografia infruttuosa

Da una conferenza di Maria Rosaria Alfani, traduttrice italiana di Geografia infruttuosa, alla traduzione dell’ultima Poesia della raccolta in dialetto reggiano: cronaca di un percorso difficile, dal risultato incerto, ma importante per conoscere gli ultimi momenti della vita di Neruda

RAFAEL ALBERTI – Galope

Un canto di guerra della Guerra di Spagna è questa famosa poesia del poeta Rafael Alberti, qui ricordato anche per i suoi forti legami con la città di Reggio.

FOSCO MARAINI: Il Lonfo

Si può tradurre in dialetto una poesia scritta in nessuna lingua nota? Denis Ferretti lo ha fatto partendo dalla più famosa poesia di Fosco Maraini: il Lonfo!